Si è conclusa stasera, sabato 13 ottobre, la 25ma edizione del Concorso Pianistico Internazionale Rina Sala Gallo. Al Teatro Manzoni di Monza la prova finale ha visto i tre candidati misurarsi con il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in si bem. min. op. 23 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica di Milano “G. Verdi” diretta da Carlo Andrea Oddone.

La giuria, presieduta da Vladimir Ashkenazy e composta da Akemi Alink, Fabio Bidini, Christopher Oakden, Roberto Prosseda, Bruno Rigutto e Marco Vincenzi ha decretato i vincitori: il 1° premio “Città di Monza” del valore di 15.000 euro va a Igor Andreev, pianista russo classe 1988. Il 2° premio di 7.500 euro (offerto da “Banco di Desio e della Brianza S.p.A”) è stato attribuito al sud-coreano Hans H. Suh, classe 1990. Conquista il 3° premio di 5.000 euro assegnato dal Rotary Club Monza, Ye Lin, pianista cinese del 1992.

Igor Andreev riceve anche la borsa di studio di € 2.000, offerta dall’Associazione Musicale “Rina Sala Gallo” e assegnata attraverso il voto del pubblico in sala, mentre il premio Bach, di € 2.000, in memoria di Emma Sirtori Bonetti per la migliore esecuzione di una composizione di Bach, va al tedesco Hanssen Knut.

Per la menzione della critica, la targa dedicata da Assolombarda-Confindustria Milano Monza e Brianza alla migliore esecuzione in palcoscenico e attribuita da Cesare Fertonani, Enrico Girardi e Luca Ciammarughi, è stato scelto il pianista sud-coreano Hans H. Suh.